Oggi vi propongo un post un po’ diverso, un post con aria di casa (di casa mia intendo). Avete mai sentito parlare di Cisternino? So già che in molti risponderete di no, perchè in effetti non è una delle mete turistiche più gettonate della Puglia (per fortuna!).

Però scommetto che se vi dico “è vicino ad Ostuni” molti di voi capiranno meglio la zona di cui sto parlando.

Dov’è Cisternino e cos’è?

Cisternino è un paese di circa 12mila abitanti, che si trova in provincia di Brindisi. Situato su una collina all’altezza di quasi 400 metri sul mare, si trova in una posizione ventilata e fresca, ottima nelle calde giornate estive pugliesi.

Visitare Cisternino è un must, dato che è uno dei “borghi più belli d’Italia” e non perchè lo dico io, ma perchè in effetti insieme alla limitrofa Locorotondo è classificata così dal magazine I borghi più belli d’Italia.

Come raggiungere Cisternino Puglia

Come potete immaginare, essendo un paesino sul cucuzzolo di una collina, non è servito da treni alta velocità o da servizi bus iperveloci.

In auto – VISITARE cisternino, Puglia

Sicuramente il modo più veloce per raggiungere Cisternino è in auto, a noleggio o propria. Attenzione a dove parcheggiate. Soprattutto d’estate il paese pullula di vigili che non vi grazieranno. Utilizzate le apposite aree di sosta gratuite o a pagamento e piuttosto scegliete di camminare 100 metri in più.

con l’aereo – VISITARE CISTERNINO, PUGLIA

Non avendo la Ryanair ancora attivato voli diretti per Cisternino 🙂 , dovete necessariamente atterrarre a Bari o a Brindisi. Cisternino dista 80km dall’aeroporto di Bari e 60km da quello di Brindisi. In auto ci vuole circa un’ora di strada da entrambi gli aeroporti (un po’ meno da Brindisi).

Se non siete in auto, raggiungete la stazione centrale (di Bari o Brindisi e proseguite in treno).

con il treno – VISITARE CISTERNINO

La stazione Ferrovie dello Stato meglio collegata con Cisternino è Fasano dalla quale partono regolarmente bus della linea STP (non di domenica o festivi). Vi sconsiglio di utilizzate la stazione di Cisternino della linea FS, che dista 15 km dal paese e non è collegata.

A Fasano fermano treni regionali da Bari e Brindisi, Intercity e d’estate anche le Frecce.

Se invece volete fare un’esperienza ‘bucolica’ potete provare ad arrivare alla piccola stazione di Cisternino Città con la linea delle Ferrovie Sud Est. Questa stazione dista 600metri (in salita) dal paese. Il treno lo potete prendere a Bari, con cambio a Martina Franca. Se cercate un’esperienza ‘slow’ (forse troppo) questa fa per voi.

Perchè visitare Cisternino

Abbiamo visto dove si trova e come raggiungerlo, ora capiamo perchè vi consiglio di visitare Cisternino.

Il centro storico di Cisternino

Una delle ragioni principali per visitare Cisternino è il suo centro storico, un dedalo di viuzze imbiancate di calce e curato in ogni suo angolo.

L’accesso al centro storico avviene attraverso le sue porte (la maggiore ‘Porta Grande’ non esiste più). Diviso in 5 rioni: “Bère Vécchie“, “Scheledd“, “UPantène“, “L’ìsule” e “u Bùrie”. Per una descrizione dettagliata vi rimando al sito del comune di Cisternino.

Cisternino, centro storico

In posizione centrale Piazza Vittorio Emanuele, detta anche Piazza dell’Orologio appunto per la presenza del grande orologio.

La chiesa Madre e la chiesa del Purgatorio

La chiesa più importante di Cisternino è la Chiesa Madre di San Nicola. All’interno della chiesa la scultura della Madonna con Bambino, detta la “Madonna del Cardellino” che risale al 1500.

Chiesa Madre e la torre Civica, Cisternino

Sotto la chiesa Madre, la chiesa Ipogea di San Nicola e la chiesa del Monte Purgatorio che ospita il MAAAC Museo Area Archeologica Arte Contemporanea Cisternino dove si tengono mostre mostre di arte contemporanea.

La chiesetta di Santa Lucia

Molto graziosa la piccola chiesetta di Santa Lucia si trova all’interno del centro storico, nei pressi della Porta Piccola (porta P’ccenn in dialetto) e risale al 17° secolo con affreschi della santa.

La vista panoramica sulla Valle D’Itria e sui trulli

Cisternino si affaccia, insieme a Martina Franca e a Locorotondo, sulla Valle d’Itria. Una vallata pittoresca, fortemente agricola e ‘costellata’ di trulli molti dei quali abitati.

Vista sulla Valle D'Itria da Cisternino
Vista sulla Valle D’Itria da Cisternino

Punti panoramici la Villa Comunale e la Pineta, due giardini pubblici alberati con balconi panoramici sulla valle.

Se volete provare l’esperienza di dormire in un trullo, vi lascio questo riferimento del trullo San Salvatore.

Trullo San Salvatore, vicino a Cisternino

Dove mangiare a Cisternino Puglia

Se siete in visita a Cisternino non potete assolutamente esimervi dal pranzare o meglio ancora cenare nel centro storico. Se non siete vegetariani vi consiglio assolutamente di provare le bracerie del centro storico, molto rinomate in zona. Si sceglie la carne al banco a peso e ci si accomoda a tavola.

I miei posti preferiti per mangiare

A Cisternino si mangia bene quasi ovunque, ma questi sono i posti che consiglio agli amici.

  • Trattoria Bère Vecchie – una valida soluzione se non tutti voglio mangiare la carne, propongono oltre alla brace una selezione di antipasti e di primi locali (anche vegetariani)
  • Al Vecchio Fornello – nei pressi della torre dell’orologio, propone un’ottima selezione di carne di qualità con servizio celere e attento
  • Rosticceria l’Antico Borgo – Ottima scelta per una cena di carne.
  • Pizzeria Doppio Zero – Sicuramente la migliore pizzeria di Cisternino. Pizza in stile napoletano, morbida e leggera.
  • Chiricò Bistrot – Per chi vuole stuzziacare qualcosa oppure cenare con piatti innovativi e un pò differenti dalla tradizione, appena fuori dal centro storico.
  • Osteria Sant’Anna – per una cena speciale, fuori dal centro storico nei pressi della stazione Cisternino Città. Per chi cerca qualcosa di più ricercato.

Cosa comprare a Cisternino Puglia

Soprattutto se siete in auto, vi consiglio di fare scorta di prodotti locali. Ecco dove acquistare i miei preferiti.

  • Cantina sociale UPAL – per l’acquisto di ottimi vini locali a KM zero. D’estate organizzano anche delle serate di degustazione ed apertivi.
  • Caseificio Cooperativa CAVI – i formaggi freschi, soprattutto ricotta e mozzarelle, oltre a ai caciocavalli e agli altri formaggi stagionati sono davvero tutti da assaggiare. Anche qui d’estate si organizzano cene e degustazioni. Ci sono 2 punti vendita, uno in paese ed un secondo di fronte al campo sportivo.
  • La bottega dello Sfuso – qui troverete davvero di tutto, dal prodotto locale a quello etnico, quasi tutto sfuso.

Articoli recenti

Seguimi su instagram – @posh_backpackers