Oggi vi parlo delle Isole Azzorre , precisamente dell’isola più grande di questo arcipelago, ovvero Sao Miguel. Noi ci siamo stati a capodanno, alla ricerca di un clima più mite. Vi racconto come trascorrere il tempo alle Isole Azzorre, cosa vedere tra trekking, piscine naturali e natura.

Le Azzorre sono un arcipelago di origine vulcanica, fanno parte del Portogallo e si trovano nel bel mezzo dell’Oceano Atlantico. Si tratta dell’unica zona dell’europa con clima sub tropicale.

Storicamente utilizzate come porto di scalo tra europa e le americhe sono davvero perculiari, per cultura, clima e anche per architettura che ricorda lontanamente quella che nel mio immaginario è quella sudamericana.

Isole Azzorre cosa vedere
Isole Azzorre – Sao Miguel

Come raggiungere Sao Miguel – Isole Azzorre cosa vedere

Ad oggi non esistono voli diretti dall’Italia che permettono di raggiungere le Azzorre. Lo scalo probabilmente più comodo è in Portogallo. Sia da Porto che da Lisbona partono frequenti voli per queste isole.

La Ryanair effettua anche qualche volo dalla Germania per Ponta Delgada, la città principale di Sao Miguel.

Per muovervi a Sao Miguel, consiglio sicuramente il noleggio di un’auto.

Cosa fare a Sao Miguel – Isole Azzorre cosa vedere

Ponta delgada

La città principale dell’isola, dà più la sensazione di un paese con le sue stradine strette e le sue chiesette. Ottimo punto di partenza per visitare l’isola, si trova nella parte sud.

La chiesa principale è quella di Sao Pedro, molto semplice esternamente, ma riccamente decorata al suo interno. Questa città era un importante scalo, soprattutto per le merci preziose provenienti dall’America e questo si nota molto nelle decorazioni interne. Stranamente non ho nessuna foto di questa chiesa.

Cha Gorreana – le PIANTAGIONI di te

Le isole azzorre sono l’unico luogo entro i confini dell’Europa nel quale viene coltivato il tè. La piantagione Cha Gorreana ha anche una bellissima sala da tè, un negozio dove potete acquistare i loro tè ed un piccolo museo.

Isole Azzorre trekking  - le piantagioni Cha Gorreana
Isole Azzorre – le piantagioni Cha Gorreana

Un’esperienza molto carina è quella di fare un piccolo percorso di trekking tra le piantagioni di tè. Parcheggiate l’auto davanti allo stabilimento, attraversate la strada e seguite le indicazioni per il percorso. Vi aspetta un vero e proprio spettacolo di geometriche coltivazioni e viste sul mare e sui campi verdi.

Isole Azzorre trekking - cha gorreana
Isole Azzorre – le piantagioni Cha Gorreana

Il tè è buonissimo e dopo averlo assaggiato ne abbiamo acquistato qualche confezione. Ci è piaciuto cosi tanto che ne abbiamo ordinato anche dal loro sito – Cha Gorreana dopo essere rientrati a casa.

Sete Cidades

Se come noi amate camminare, dirigetevi verso nord ovest ai laghi delle Sete Cidades (sette città). Si tratta di due specchi d’acqua divisi da un ponte.

I laghi sono in realtà crateri di origini vulcanica, circondati da un percorso pedonale. La leggenda però narra che i laghi siano nati dalle lacrime di una principessa e di un pastore, che non potevano stare insieme.

laghi delle Sete Cidades
laghi delle Sete Cidades

Un percorso di trekking si snoda intorno ai 2 laghi. Noi abbiamo intrapreso il percorso parcheggiando vicino al Miradouro da Vista do Rei. Abbiamo poi raggiunto il paese di Sete Cidades dove contavamo di fermarci per pranzo, ma abbiamo trovato tutto chiuso. A questo punto abbiamo inventato un percorso per abbreviare il ritorno utilizzando google maps, tagliando quello prestabilito di circa 20km e facendone invece circa 11km.

laghi delle Sete Cidades - Isole Azzorre cosa vedere
laghi delle Sete Cidades

Credo che ad oggi sia uno dei più bei percorsi di trekking che abbia mai fatto. Da un lato i laghi e dall’altro la vista che si estende verso il mare., il verde, la quiete e la natura spettacolare.

 Sete Cidades Azzorre - Isole Azzorre cosa vedere
Sete Cidades Azzorre

Valle di Furnas

La valle di Furnas è famosa per le sue acqua termali calde e per le “caldeiras” ovvero le fumarole. Si tratta di punti nel terreno dal quale fuoriesce vapore e acqua bollente dall’odore sulfureo.

Gli abitanti del posto e soprattutto i ristoranti, fanno un utilizzo particolare di queste caldeiras infilando nel terreno dei grossi pentoloni nei quali cuociono il ‘cozido’ una specie di stufato di verdure e diverse varietà di carne. Un piatto buonissimo, con un sapore davvero particolare.

 Caldeiras utilizzate per la cottura - Isole azzorre
Caldeiras utilizzate per la cottura

Consiglio di non lanciarvi in escursioni di trekking dopo averlo mangiato perché è abbastanza impegnativo come piatto da digerire (parlo per esperienza ovviamente).

Non lontano dal paese di Furnas, troverete il Parque Terra Nostra , un complesso di terme naturali immerse nel verde, una serie di pozze d’acqua nelle quali è possibile immergersi e un bel giardino esotico da visitare.

Parque Terra Nostra - Azzorre
Parque Terra Nostra – Azzorre

A pochi chilometri di distanza trovere il lago di Furnas. Si può fare un bellissimo percorso a piedi intorno al lago. Quando ci siamo stati l’abbiamo trovato interrotto, perché pieno di arbusti e non siamo riusciti a terminare il giro intero del lago.

 lago di Furnas - azzorre trekking
lago di Furnas – azzorre

Lagoa do Fogo

Ad est dell’isola, non lontano da Furnas, si trova la Lagoa do Fogo. Formatasi nel cratere di un vulcano spento anche questo lago si può ovviamente visitare, seguendo un percorso escursionistico che lo circonda. Noi, dopo essere scesi dalla scaletta che ci permetteva di raggiungere il lago, siamo tornati indietro (vedi nota sopra sul non consumare il cozido prima delle escursioni 🙂 ).

Lagoa do Fogo

Il percorso in auto per raggiungerlo è davvero spettacolare- Il lago si trova a più di 500 metri di altezza sul mare. La strada si snoda tra tornanti, campi con le mucche e piccoli paesi di collina.

Lagoa do Fogo
Lagoa do Fogo

IMMERGERSI A CALDIERA VELHA e fare un bagno sotto la cascata

Lo ammetto, è stata la prima volta in vita mia che ho fatto un bagno sotto una cascata. Pur essendo pieno inverno, le temperature erano miti (non calde eh, ci voleva comunque un po di coraggio).

Caldeira Velha – Azzorre

Oltre al bagno sotto la cascata, il parco comprende anche delle fantastiche vasche con acqua bollente, nelle quali rilassarsi.

Caldeira Velha – Azzorre

Il costo dell’ingresso al parco è di 8 euro per gli adulti, mentre i bambini pagano la metà. Il parco è dotato anche di docce e spogliatoi.

Le coste dell’isola

Vi posso assicurare che a dicembre non è possibile fare il bagno in mare. L’oceano si infrange con violenza sulle coste frastagliate. Nella bella stagione invece ho visto diverse foto che mostrano l’uso di piccole piscinette delimitate nel mare e di alcune spiagge.

Lo spettacolo del mare sia a nord che a sud merita una visita. Giudicate voi stessi guardando le foto.

La costa sud Sao Miguel
La costa sud Sao Miguel
La costa sud Sao Miguel
La costa sud Sao Miguel
 La costa nord Sao Miguel
La costa nord Sao Miguel

Potrebbero interessarti anche:

Articoli recenti:

Non mi segui ancora su Instagram?? E allora cosa aspetti 🙂 @posh_backpackers

0 0 vote
Article Rating