Sono nuova a questo mondo di ‘interazione’ con altri blogger e sinceramente faccio anche un pò fatica a definirmi io stessa blogger.

Non sono una giornalista e non mi definisco una persona che sa scrivere bene, ma avevo bisogno di ‘sfogare’ la mia passione per i viaggi da qualche parte. Il blog mi è sembrato il modo migliore.

Questo blog nasce diversi anni fa, ma solo ultimamente, grazie ad Instagram (@posh_backpackers) sto avendo occasione di interagire con gente che ha la mia stessa passione e devo ammettere che mi sta piacendo davvero parecchio.

Fino a ieri non avevo mai sentito parlare del Sunshine Blog Award e ringrazio pertanto la mia conterranea, viaggiatrice e disegnatrice, La valigia in viaggio per la prestigiosa nomination! Sono molto emozionata di partecipare a questa iniziativa.

Che cos’è il Sunshine Blogger Award

Il Sunshine Blogger Award è il contest in cui i blogger nominano altri blogger, secondo i criteri di ispirazione, creatività e positività a favore di community. Partecipare implica che chi è stato nominato, debba ringraziare il blogger da cui è stato citato, rispondere alle loro domande, nominare altri blogger e porre loro altre domande.

Ecco le regole da seguire per coloro che sono stati nominati per il Sunshine Blogger Award:

Ringraziare il blogger che ti ha nominato nell’apposito post dedicato al Sunshine Blogger Award e scrivere il link del suo blog.

Rispondere alle 11 domande che il blogger ti ha posto.

Nominare 11 nuovi blog che vuoi che ricevano l’award e scrivere 11 nuove domande per loro.

Informare i candidati sul contest con un commento su uno dei loro post sul blog.

Elencare le regole e mostrare il logo di Sunshine Blogger Award nel tuo post e/o sul tuo blog.

Le domande (difficilissime!) di La Valigia in Viaggio

1 – Se il tuo blog fosse un film quale sarebbe?

Sarebbe tanti film, perchè ogni viaggio è un film diverso. A volte un film di avventura come il nostro viaggio tra Vietnam e Cambogia, altre volte è un musical romantico sulle isole Greche come Mamma Mia (non abbiate paura, non canto eh).

A volte è un documentario sulla storia, come il nostro on the road nel Peloponneso. Per non parlare delle trasmissioni di cucina… quelle non mancano mai nei nostri viaggi.

Una cosa posso dirla, qualsiasi film sia, è sempre un film a lieto fine. Un film che mi lascia dei ricordi meravigliosi e che amo raccontare e recensire qui sul blog, sperando di non ‘spoilerare’ troppo il finale, ma di far venire voglia di partire a chi mi legge.

2 – Quale meta di viaggio ha deluso le tue aspettative?

Non posso dire che nessuna delle mete visitate mi abbia deluso. Ogni posto mi ha regalato qualcosa, un museo, un piatto tipico, uno scorcio pittoresco.

Nonostante questo, alcune mete si sono rivelate diverse da come me le aspettassi, probabilmente perchè mi ero fatta un’idea sbagliata di quello che avrei trovato.

In particolar modo mi viene in mente Cipro, che abbiamo visitato quest’estate. Immaginavo questa nazione come un mix incredibile di culture: greca e turca. Un crocevia di piatti e tradizioni di due mondi che si incontrano.

Eppure io a Cipro ci ho trovato la Grecia (nazione che adoro): la cucina greca, la lingua greca, le tradizioni greche. Ma ho trovato anche alcuni paesi di mare sovraffollati e con edilizia molto contestabile, molte costruzioni abbandonate a causa della crisi e del calo del turismo.

Attraversando la ‘frontiera’ di Nicosia a piedi invece a Cipro Nord ci siamo trovati in Turchia. Una divisione netta, che davvero non mi aspettavo.

Di Cipro ho adorato invece i siti archeologici, cosa che non mi aspettavo.

3 – Ti rendi conto che i tuoi racconti di viaggio e i tuoi scatti fotografici, ispirano altri viaggiatori?

E’ quello che mi piace immaginare, spero davvero di trasmettere le emozioni che provo in viaggio tramite le foto e i racconti. Di sicuro io mi emoziono a scriverne e a rileggere quello che racconto.

4 – Quale è stata la cosa più assurda (rispetto alla nostra cultura) che hai visto in una delle tue destinazioni?

Non so se assurda è la parola giusta, ma mi ha colpito molto aver partecipato in Nepal ad un matrimonio combinato. Due ragazzi cosi giovani, che si erano visti una sola volta in vita loro, eppure sembravano davvero felici, impauriti e felici.

5 – Pensi che un giorno si potrà viaggiare anche sulla Luna?

Non saprei, ma ho ancora tanti posti da visitare nel nostro di mondo che aspetterei a fare programmi. Già per la terra fatico a limitare i viaggi, se mi estendessi anche alla luna mi sa proprio che mi toccherebbe lasciare il lavoro!

6 – Il blog prima e i social poi, hanno rivoluzionato il mondo del lavoro. Fingiamo che tu riesca a vedere il futuro attraverso una sfera magica, cosa credi che ci sarà dopo il blogger/influencer?

Io sono arrivata tardi nel mondo dei social.

La mia passione nasce nei ‘forum di viaggi’, una parola quasi antiquata nel mondo web moderno. Eppure a me piaceva interagire in questo modo slow, scambiarsi le esperienze di viaggio, conoscere persone. Si perchè con alcune persone conosciute sui forum siamo diventati amici. E chi se la scorda quella serata a Tokyo con un gruppo di ragazzi conosciuti su zingarate? O quel viaggio di gruppo a Ginevra solo perchè il volo costava poco?

In futuro? E chi lo sa, per me Instagram è già fin troppo ‘social’, seguo solo chi mi interessa e anche qui stanno nascendo delle amicizie.

7 – Da visionaria quale credo che tu sia (o voi siate), cosa potrà cambiare nel modo di viaggiare? Io, per esempio, penso che prima o poi avremo tutti delle macchine volanti, proprio come nei film di fantascienza. Se poi si viaggiasse con il teletrasporto sarei la persona più felice della Terra.

Non so se ci saranno le macchine volanti. Io spero solo che si riesca a viaggiare in maniera sempre più ecologica. L’impatto dei nostri viaggi, soprattutto in auto e in aereo, hanno un effetto devastante sul mondo in cui viviamo. A volte mi chiedo se il mondo imploderà a forza di aggiungere voli low cost.

E’ importante nella vita quotidiana che ognuno di noi pensi a questi impatti per avere un mondo in futuro, con o senza auto volanti.

Sunshine Blogger Award: le mie 11 domande

  1. Quando vedi un aereo in cielo che cosa pensi?
  2. Qual è stato il viaggio che più ti ha sorpreso positivamente, sul quale non avevi aspettative e invece si è rivelato essere meraviglioso? Raccontami.
  3. Come ti piace organizzare i tuoi viaggi, in autonomia o con l’aiuto di un’agenzia?
  4. Quando prepari un viaggio, stai attento/a più al budget o alla comodità?
  5. Viaggi/viaggiate con zaino o trolley?
  6. Quali souvenir acquistate nei vostri viaggi?
  7. Vincete 1000 euro per un weekend per 2 – che meta scegliereste?
  8. Quale sarà la tua/vostra prossima meta?
  9. Dove trovi ispirazione per le tue mete?
  10. Dove avete/hai fatto il tuo/vostro primo viaggio all’estero?
  11. In caso di imprevisto: panico o sangue freddo? Come reagite?

E infine: le mie nominations

Rullo di tamburi….

Dopo un’accurata e impegnativa selezione, le mie 11 nominations sono i seguenti blog. Se non li conoscete, vi consiglio di esplorarli perchè sono pieni di informazioni utili!